Storie di carta: Quando le pagine danno forma all’immaginazione!

Like Don't move Unlike
 
0

Recentemente, la nostra agenzia, ha avuto la possibilità di partecipare alla realizzazione di un bellissimo Evento: Storie di carta.

L’evento ci è stato commissionato da Fastbook S.p.a., leader nel settore della distribuzione all’ ingrosso di libri cartacei ed andava progettato con l’intento di celebrare l’unione fra due brand che, in quel di Padova, avevano da poco deciso di unire le proprie forze per fornire un servizio di ancor maggiore qualità: BookStore, storico rivenditore padovano e, per l’appunto, Fastbook.

Essendo il nostro cliente focalizzato al 100% sulla vendita di volumi cartacei, abbiamo posto al vaglio svariate idee, tutte incentrate sulla sensorialità, sulla lettura “vecchio stile”, cioè in grado di coinvolgere i sensi in modo più completo e soddisfacente rispetto ai più recenti ritrovati della tecnologia (gli e-book, tanto per fare nomi) e alla fine, come spesso accade in una realtà frequentata da creativi, è giunta l’illuminazione: Origami!

Gli origami ci sono sembrati da subito perfetti: il loro strettissimo rapporto con la carta, la possibilità di rappresentare fisicamente e in modo iconico e riconoscibile dei concetti, la bellezza e attrattività di una vera e propria forma artistica.

Non restava che progettare l’evento nel dettaglio.

Lo spazio messo  a nostra disposizione era arioso, con la tipica ampiezza dei luoghi che si occupano del commercio all’ingrosso e presentava un’area distinta dal resto del punto vendita, in cui era possibile pensare un allestimento dal buon impatto visivo.

Ovviamente non ci siamo fatti sfuggire l’occasione e abbiamo cercato di sfruttare al massimo le caratteristiche fisiche del luogo: da qui l’idea di creare enormi origami da appendere al soffitto.

Gli origami non potevano certo essere casuali, dovevano esprimere la personalità del cliente ed il suo campo d’azione, per questo motivo, abbiamo deciso di creare una selezionare di bestseller, storici e non, da ricondurre ad icona immaginaria e quindi da riprodurre mediante la tecnica orientale degli Origami.

E così, i libri della saga Twilight si sono trasformati in pipistrelli, Moby Dick nell’ovvia balena, Alice nel paese delle meraviglie in un simpatico coniglio, Lord Jim in una barchetta.

Per realizzare gli origami progettati per il grande formato (da far fluttuare dal soffitto) e quelli di piccolo formato da consegnare come gadget coinvolgente al pubblico dell’evento, sono state contattate 2 origamiste professioniste, che hanno dato forma e vita a magnifiche creazioni: ogni origami era abbinato ad un titolo celebre e da ogni titolo celebre sono state ricavate le pagine sulle quali realizzare le piccole opere d’arte.

L’evento è stato un successo, con un ottimo riscontro di pubblico, coinvolto e soddisfatto, nonché propenso a condividere le proprie emozioni attraverso i social network, anche grazie alle apposite aree studiate per consentire photoshoot e la creazione di un apposito #HASHTAG.

Concludendo, con questa case history non vogliamo porre l’accento sugli aspetti più comuni dell’organizzazione d’eventi, sul catering, il mobilio, le performance live, che rappresentano solo il mezzo per raggiungere un fine, ma vogliamo concentrarci sulla potenza delle Idee di qualità, sull’importanza del processo creativo, solo questo, infatti può portare all’ideazione di eventi in grado di stupire, interessare e coinvolgere, pur restando coerenti con i valori dell’azienda commissionante ed i suoi obiettivi commerciali.