Servizi fotografici still life - Servizi fotografici per prodotti

Natura morta, fotografia vivissima.

I servizi fotografici still life ritraggono oggetti inanimati, ma danno vita alla tua comunicazione.

Still life significa, letteralmente, natura morta. Sono i servizi fotografici dedicati agli oggetti inanimati, estrapolati dal contesto in cui solitamente si trovano. L’obiettivo è esaltare o mettere in evidenza le caratteristiche dell’oggetto, i suoi tratti distintivi, i motivi per cui un consumatore dovrebbe comprarlo.

C’è modo e modo. Di certo, è visibile la differenza tra una fotografia professionale e una improvvisata. Magari non si sa perché, ma si coglie. Se fai il prodotto migliore della tua vita, o se spendi un patrimonio per una macchina performante, dovresti fotografarlo, altrimenti sarà noto solo a te. Meglio fotografarlo. Ma se lo affidi ad uno scatto scadente, fai da te, svaluterai i tuoi investimenti.

E lo stile evolve: le fotografie still life sono solo all’apparenza preconfezionate, tutte uguali, e quelle di venti anni fa sono ben diverse da quelle attuali. Un buon fotografo è aggiornato, ma non solo: scatta anche in funzione del prodotto e dell’azienda che lo produce. Prima di allestire lo shooting e pensare allo scatto, studia. Perché nello scatto dovrà riflettere le virtù dell’oggetto. La fotografia still life è un’azione di comunicazione efficace quando è ragionata e confezionata su misura per il cliente. La tecnica e l’estro vanno a braccetto con la strategia.La fotografia degli oggetti richiede al fotografo molta esperienza e abilità. Va abbinata la creatività, cioè la capacità di immagine la composizione dello scatto di un singolo oggetto estrapolato dal contesto, alla conoscenza dettagliata degli strumenti del mestiere, in particolare sull’illuminazione. Il controllo della luce è complesso e incide nella qualità del lavoro: il problema del “fai da te” è che la fotografia non renderà giustizia al prodotto, sia esso eccellente dal punto di vista estetico o poco adatto a farsi immortalare.Esistono due correnti di pensiero nello still life: uno stile didascalico, descrittivo, da catalogo, che mette in evidenza il prodotto in purezza; e uno emozionale, dove il prodotto è inserito in un set, un micro-allestimento che lo esalta e gli permette di spiccare. E ci sono due modi: uno giusto, e uno giusto.