Trucco, parrucco, costumi: nessun inganno.

I buoni servizi fotografici per la moda fanno emergere anche l’autorialità, il gusto e la ricerca, dietro ai capi di abbigliamento.

Un servizio fotografico per la moda dipende molto dalla bravura di chi posa. Lo sostiene ogni fotografo, anche il più vanitoso. È però inevitabile che il successo di uno shooting per la moda sia anche nelle mani di chi scatta. È una questione di ritmo, di intesa professionale tra i due soggetti coinvolti, di alchimia. Più ce n’è, migliore sarà la qualità del lavoro. Un bravo fotografo dovrebbe trasmettere sicurezza al modello, mettendo quest’ultimo il più possibile a suo agio e coinvolgendolo nella sessione di posa.

Ma uno shooting per il fashion coinvolge anche altre professionalità: su tutte, la truccatrice e la stylist. Cioè colei, o colui, che si dedica al trucco e parrucco del modello, e chi ne decide i costumi. Quando si scatta per il settore fashion è importante anche il progetto preliminare. Non si può improvvisare, il rischio è sprecare tempo, e quindi soldi. Prima dello shooting si elabora un elenco di scatti, si prepara il set e soprattutto i vestiti. Le idee sullo stile del servizio influenzano il lavoro dei truccatori e dei parrucchieri, che dovranno realizzare un’acconciatura coerente, oltre che ben fatta. Bisogna sempre pensare al messaggio che si intende trasmettere e cercare di creare una composizione per rafforzarlo. Per costruire una buona immagine di moda non basta scattare belle fotografie ma è necessario far emergere l’autorialità, il gusto, la ricerca di chi scatta.

I servizi fotografici per la moda possono essere declinati su molti supporti. Dai cataloghi per le collezioni ai look-book, passando per gli scatti pubblicitari. Anche una sfilata si presta ad uno shooting fotografico: in quel caso, il fotografo dovrà cogliere i migliori momenti in azione, senza un set statico in cui operare. E senza farsi distrarre dalle bellezze.