Siti responsive per il posizionamento oltre che per l’esperienza di navigazione

Like Don't move Unlike
 
0

La scelta di un template grafico responsive ha sì a che vedere con l’esperienza di visita di un sito internet, e di converso con il marketing, ma favorisce anche il posizionamento sui motori di ricerca.

Nella recente realizzazione del sito internet di fieredeglisposi.it, abbiamo deciso, anche in conseguenza della necessità di pubblicare in tempi serratissimi, un template responsive.

Grafici e web agency a che hanno a che fare con siti web, sanno bene come i siti responsive necessitino di html 5 e come questo renda agevole l’inserimento di movimentazioni grafiche senza la necessità di implementazioni flash o quant’altro, tutte tecnologie obsolete o comunque macchinose.

Quindi, non solo si ottiene il vantaggio di un sito internet capace di adattarsi felicemente a qualsiasi tipo di device, compresi sia smartphone che tablet, e a qualsiasi impostazione di risoluzione, ma anche un sito internet dall’aspetto più contemporaneo, in cui l’esperienza di navigazione è migliorata grazie ad una maggiore interattività della piattaforma web.

Quello che forse non tutti sanno è che, oltre ad un vantaggio in termini di marketing, come si diceva poco sopra, un sito responsive offre vantaggi di posizionamento sui motori di ricerca, poiché praticamente tutti i motori (google in testa) riconoscono questa caratteristica come un sinonimo di qualità e contemporaneità del sito e, pertanto, lo premiano con un posizionamento migliore fra i risultati delle SERP.

Il sito web realizzato per Fiere degli sposi, offre inoltre una serie di 4 siti figli (e gemelli tra loro), dedicati alle singole fiere insistenti nel bresciano, sempre dedicate agli sposi e organizzate dalla stessa agenzia di eventi, costituendo così un network capace di attrarre e fornire contenuti utili sia a chi è in procinto di sposarsi, sia ai soggetti che intendono partecipare alle fiere in qualità di espositori: un ulteriore modo di far incontrare domanda e offerta, ma già nello spazio virtuale della fiera, ancor prima che in quello fisico e dell’evento.