Strategie Comunicazione Turismo - Strategie di comunicazione per hotel
Home | Divisione Turismo | Metodo

Metodo.

Scopri passo passo il nostro lavoro.

Trasformiamo i dati raccolti in fase di analisi in contenuti efficaci, coinvolgenti, attrattivi. Selezioniamo gli strumenti digitali utilizzati dal target, facendo in modo che le persone siano coinvolte con il tuo brand in un modo nuovo, inaspettato, originale.
Brief.

Il brief è importante, o, per meglio dire, fondamentale. È il momento in cui il cliente racconta se stesso o la sua azienda e in cui noi lo ascoltiamo. Ma non solo: un buon brief va governato e indirizzato. È un momento di raccolta dati che deve contenere anche un pensiero strategico e creativo. È un’occasione unica per spegnere il telefono, concentrarsi e pensare. Da un brief si esce con un’idea concreta: è quello che cerchiamo di fare ogni volta.

Strategia.

Abbiamo sviluppato e messo a punto uno strumento per lo sviluppo delle strategie di comunicazione noto come “brand strategy”. Vi abbiamo apportato qualche accorgimento che riteniamo fondamentale. In questa fase dobbiamo sistemare e sistematizzare gli elementi del brief, passare al setaccio tutte le informazioni, identificare quelle utili e scartare quelle superflue. La strategia comprende il posizionamento di marca, la promessa ad un potenziale prospect, la risposta ai concorrenti e l’analisi di un pubblico.

Ideazione.

Per ogni mezzo scelto si attivano i professionisti adatti. In questa fase servono competenze specifiche perché si concretizzano le idee, si trasforma qualcosa che può sembrare astratto in qualcosa di tangibile. Mentre il progetto prende forma, il cliente si può rendere conto del lavoro svolto, e noi con lui: manteniamo uno sguardo critico su ciò che stiamo sviluppando. Così possiamo intervenire per delle correzioni o dei miglioramenti anche in corso d’opera.

Realizzazione.

Per ogni mezzo scelto si attivano i professionisti adatti. In questa fase servono competenze specifiche perché si concretizzano le idee, si trasforma qualcosa che può sembrare astratto in qualcosa di tangibile. Mentre il progetto prende forma, il cliente si può rendere conto del lavoro svolto, e noi con lui: manteniamo uno sguardo critico su ciò che stiamo sviluppando. Così possiamo intervenire per delle correzioni o dei miglioramenti anche in corso d’opera.

Affiancamento.

Una volta presentato e concluso un lavoro, il rapporto con il cliente non è chiuso. Non vogliamo essere semplici fornitori, ma partner che durano nel tempo. Affianchiamo chi si è rivolto a noi anche una volta chiuso il progetto. In realtà, nessun progetto può dirsi davvero chiuso: la riflessione strategica continua, è sempre in divenire e in relazione ai cambiamenti sia del mondo digitale che di quello reale.

Brief.

Il brief è importante, o, per meglio dire, fondamentale. È il momento in cui il cliente racconta se stesso o la sua azienda e in cui noi lo ascoltiamo. Ma non solo: un buon brief va governato e indirizzato. È un momento di raccolta dati che deve contenere anche un pensiero strategico e creativo. È un’occasione unica per spegnere il telefono, concentrarsi e pensare. Da un brief si esce con un’idea concreta: è quello che cerchiamo di fare ogni volta.

Strategia.

Abbiamo sviluppato e messo a punto uno strumento per lo sviluppo delle strategie di comunicazione noto come “brand strategy”. Vi abbiamo apportato qualche accorgimento che riteniamo fondamentale. In questa fase dobbiamo sistemare e sistematizzare gli elementi del brief, passare al setaccio tutte le informazioni, identificare quelle utili e scartare quelle superflue. La strategia comprende il posizionamento di marca, la promessa ad un potenziale prospect, la risposta ai concorrenti e l’analisi di un pubblico.

Ideazione.

Per ogni mezzo scelto si attivano i professionisti adatti. In questa fase servono competenze specifiche perché si concretizzano le idee, si trasforma qualcosa che può sembrare astratto in qualcosa di tangibile. Mentre il progetto prende forma, il cliente si può rendere conto del lavoro svolto, e noi con lui: manteniamo uno sguardo critico su ciò che stiamo sviluppando. Così possiamo intervenire per delle correzioni o dei miglioramenti anche in corso d’opera.

Realizzazione.

Per ogni mezzo scelto si attivano i professionisti adatti. In questa fase servono competenze specifiche perché si concretizzano le idee, si trasforma qualcosa che può sembrare astratto in qualcosa di tangibile. Mentre il progetto prende forma, il cliente si può rendere conto del lavoro svolto, e noi con lui: manteniamo uno sguardo critico su ciò che stiamo sviluppando. Così possiamo intervenire per delle correzioni o dei miglioramenti anche in corso d’opera.

Affiancamento.

Una volta presentato e concluso un lavoro, il rapporto con il cliente non è chiuso. Non vogliamo essere semplici fornitori, ma partner che durano nel tempo. Affianchiamo chi si è rivolto a noi anche una volta chiuso il progetto. In realtà, nessun progetto può dirsi davvero chiuso: la riflessione strategica continua, è sempre in divenire e in relazione ai cambiamenti sia del mondo digitale che di quello reale.