Dexanet

Breaking news: Google Instant addio

Dexanet, Web Agency di Brescia specializzata nel posizionamento sui motori di ricerca, è sempre attenta ai cambiamenti messi in campo da Google per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti.

La notizia del giorno è stata quindi argomento di discussione e confronto all’interno dell’Agenzia.

Sette anni fa, su iniziativa di Marissa Meyer, primo ingegnere donna assunto da Google, venne lanciato Google Instant, funzionalità supplementare al motore di ricerca più usato al mondo. In sostanza, a partire dall’autunno del 2010, durante la digitazione della query il background della pagina di ricerca si aggiornava rapidamente, proponendo i risultati prima ancora di aver cliccato “invio”.

Ma come Google Instant venne ideato per aiutare ad ottenere risultati di ricerca in maniera più veloce, proponendo siti web a partire da poche lettere inserite nella barra di ricerca e abituando gli utenti a digitare il minor numero di caratteri possibile, così ora si è deciso di abbandonare il suo utilizzo in seguito ad un ulteriore cambiamento nel mondo della tecnologia e comunicazione moderna.

Infatti, come dichiarato da un portavoce a Search Engine Land, attualmente più del 50% delle ricerche tramite Google avviene su telefonia mobile, con una grafica e degli input diversi rispetto a quelli di un computer. Motivo per cui Google Instant non è più una funzione pratica, ma risulta eccessiva e impegnativa per le frequenti consultazioni tramite device mobili.

Eliminare Google Instant non significa quindi tornare ad una ricerca rallentata. Anzi. L’intento è quello di rendere la consultazione del World Wide Web ancora più rapida e conforme al layout e ai processori di tutti i dispositivi, in particolare gli smartphone, strumenti primari della comunicazione di oggi.

Niente panico però. A differenza di come annunciato da molti siti web in maniera allarmante, i suggerimenti rimarranno. L’ “auto-completamento” venne introdotto come strumento acceleratore della ricerca tramite Google nel 2008 e eliminarlo significherebbe rallentare drasticamente i ritmi di ricerca a cui il mondo globalizzato e dinamico è ormai abituato.

In breve, sarà ancora possibile cliccare sulle proposte che vengono automaticamente elencate sotto la barra di ricerca non appena digitiamo i caratteri delle parole chiave. Tuttavia, mentre scriveremo, non compariranno più i risultati immediati, contribuendo ad un processo di ricerca meno articolato e quindi più veloce.

Se desideri una consulenza per capire come migliorare il posizionamento suoi motori di ricerca, fissa un appuntamento conoscitivo.